Ultime Novità
Home / News / Interrogazione contro il Crescent, l’ecomostro di Salerno: “Mibac faccia chiarezza su vecchie ispezioni”
Interrogazione contro il Crescent, l’ecomostro di Salerno: “Mibac faccia chiarezza su vecchie ispezioni”

Interrogazione contro il Crescent, l’ecomostro di Salerno: “Mibac faccia chiarezza su vecchie ispezioni”

Ho presentato un’interrogazione parlamentare al Ministro per i Beni e le Attività Culturali per fare chiarezza e chiedere ulteriori indagini sul Crescent di Salerno. L’enorme condominio privato, alto oltre 30 metri e lungo quasi quanto tre campi di calcio, che si sta realizzato a pochi passi dal mare in pieno centro cittadino.  Sul Crescent, la Soprintendenza di Salerno, di solito molto attenta e precisa rispetto alle richieste dei comuni cittadini (anche l’apertura di una semplice finestrella viene passata al setaccio), si è limitata al “silenzio assenso”, evitando di assolvere al proprio ruolo di tutela del paesaggio.

Ho chiesto di rendere noti i risultati dell’ispezione avvenuta in passato (corredati dalle relative relazioni istruttorie) disposta dal Ministero per accertare la sussistenza  di irregolarità e disfunzioni attribuibili ai dirigenti e funzionari della Soprintendenza che – con le loro condotte omissive ed acquiescenti – hanno determinato il consolidarsi dell’autorizzazione paesaggistica originaria e di quelle successivamente rilasciate dal Comune di Salerno.

Inoltre ho chiesto di rendere noti i provvedimenti assunti all’esito di tale ispezione, nonché i nominativi degli ispettori incaricati e le relative funzioni esercitate nell’Amministrazione e di disporre un supplemento di indagine, atto a verificare:

-          la regolarità degli atti posti in essere;

-          la sussistenza di situazioni di incompatibilità, determinate dall’eventuale conferimento contra legem – a soprintendenti e funzionari – di incarichi retribuiti

-          se le opere in argomento – autorizzate con le inquietanti modalità di cui si è detto – abbiano determinato e stiano per determinare irreversibili danni al patrimonio oggetto di tutela, integrandosi così la fattispecie prevista e punita dall’art. 734 del Codice Penale;

 

Infine ho chiesto di segnalare – all’esito delle verifiche di cui sopra – i fatti all’Autorità Giudiziaria Penale, costituendosi parte civile nei procedimenti già avviati e in quelli che – riguardanti la stessa vicenda – saranno avviati.

 

Il testo dell'interrogazione sul Crescent

 

interrogazione crescent 2

Scroll To Top