Ultime Novità
Home / Senza categoria / ‎Scuola Giacomo Costa‬, Comune in confusione: “scippa” giardino ai bambini per area sgambamento cani
‎Scuola Giacomo Costa‬, Comune in confusione: “scippa” giardino ai bambini per area sgambamento cani

‎Scuola Giacomo Costa‬, Comune in confusione: “scippa” giardino ai bambini per area sgambamento cani

‎Questa mattina un’impresa incaricata dal Ufficio Trasporti e Viabilità del Comune di Salerno è sbarcata al plesso Giacomo Costa dell’istituto Medaglie D’Oro, accompagnata dal Sindaco Facente Finta, Vincenzo Napoli, per aprire un varco dal marciapiede pubblico verso un ampio triangolo di giardino limitrofo alla scuola e confinante con il viale di accesso all’uscita di emergenza posteriore.

Obiettivo è destinare quest’area allo sgambamento dei cani. Un’area quella che era stata scelta da precedenti sopralluoghi effettuati prima dell’estate per essere destinata all’attività all’aperto (giardinaggio e orto scolastico) dei bambini delle due sezioni dell’infanzia (circa 60 dai 3 ai 6 anni), di cui una è proprio quella sezione destinata all’applicazione del Metodo Montessori che proprio il Facente Finta Napoli e l’assessore Avossa erano accorsi ad inaugurare lo scorso 10 Settembre.
http://www.comune.salerno.it/client/scheda_news.aspx
A quanto pare nella confusione, oltre al Finto Sindaco, sono anche gli assessorati e l’intera organizzazione comunale che destina lo stesso luogo a due progetti totalmente incompatibili tra loro, la mano destra non sa cosa fa la mano sinistra?

E’ di per se assurdo posizionare un area destinata ad essere maleodorante piena di escrementi a ridosso di una scuola pubblica. Il giardino scippato ai bimbi verrà recintato con una indecorosa rete in ferro stile campo di broccoli, forata fino al terreno, in modo che i cani possano “sgambettare” la terra ed loro escrementi sul parapetto e sul viale attraversato dai bambini, un capolavoro!
Inoltre vi sarà libera circolazione di estranei a pochi metri dalla porta di emergenza della scuola separati da una rete che si taglia con una tronchese da 5 euro: è il massimo della sicurezza.
A dimostrazione di quanto lontani siano dai veri interessi dei cittadini, né il finto sindaco Napoli né il nostro assessore Avossa, sono a conoscenza delle grandi difficoltà che questa nuova sezione montessoriana ha nell’iniziare il percorso di trasformazione didattica, alle prese con problemi di finanziamento per la formazione delle maestre al metodo.
Il comune quindi, invece di destinare ulteriori fondi (sarebbero sufficienti spiccioli dell’ordine di poche migliaia di euro) per aiutare la scuola a portare a compimento questo splendido progetto, decide bene di spenderli per sottrarre un elemento essenziale all’applicazione del metodo didattico, che prevede specifici laboratori sensoriali a contatto con la natura. Spende invece milioni di euro per gli spettacoli teatrali di rappresentanza e per le luci d’artista dedicate ai turisti mordi e fuggi della crocchetta fritta.

Questo il mio auspicio: la squadra sia inviata immediatamente a richiudere il varco di accesso alla zona verde che è stato già ricavato verso il marciapiede pubblico, sia invece incaricata di creare la scaletta di accesso all’area a favore della scuola, ad oggi ancora mancante,e a predisporre le necessarie recinzioni per permettere ai bambini di usufruire dell’area in piena sicurezza nonché a mettere in sicurezza il cornicione pericolante del’edificio scolastico pendente da mesi sulla testa dei bambini, condizione di pericolo in atto per il quale il Comune è già stato avvertito, anche formalmente dalle autorità scolastiche

Leave a Reply

Scroll To Top